February 02, 2024 - BY Admin

Sai gestire al meglio il tuo team

Quando si ha la conduzione di un progetto non è sempre facile organizzare i propri collaboratori riuscendo ad essegnare un compito preciso, idoneo e a misura delle loro capacità, ancora più difficile se nel tuo team hai elementi che non conosci abbastanza bene sotto il profilo professionale e personale.
Sulla base della mia esperienza posso citare quelli che, secondo me, sono i punti essenziali per una gestione efficace del team.

La comunicazione deve essere sempre diretta, chiara e trasparente, soprattutto deve essere puntuale; ogni giorno è bene fare il punto della situazione controllando e seguendo  il lavoro svolto il giorno prima di tutti e , in caso di mancanze o inadempienze, è importante evidenziare subito il problema per fermarlo e correre ai ripari. Mai perdere l’obbiettivo: il progetto deve terminare nei tempi previsti con uno scarto accettabile, al netto degli imprevisti, che vanno sempre calcolati.

Tutti i componenti del tuo team devono essere sempre aggiornati sul progetto e sullo sviluppo che ogni elemento del team porta avanti, offrire una visione chiara delle diverse fasi dà sicurezza e rende il team compatto e collaborativo.


Un bravo team manager ha sempre uno sguardo attento sul merito, fornire feedback e riconoscimenti ai collaboratori meritevoli mantiene compatto il gruppo di lavoro. Le gratificazioni sono benzina per l’autostima, dispensane a sufficienza a coloro che meritano, ti porterà risultati sul loro rendimento.

Uno degli aspetti più temuti e anche quello più difficile da gestire è sicuramente la gestione di possibili conflitti che nascono, a volte ingiustificati, tra elementi di un team. Un contrasto, una contrapposizione, ha diverse nature, le cito ma approfondiremo in un altro momento: conflitto interpersonle; la persona vive una contraddizione tra ciò che gli viene chiesto e ciò che ritiene corretto.  Conflitto di intergruppo; quando tra diversi gruppi si crea una divergenza. Conflitto di intragruppo; la divergenza è all’interno dello stesso gruppo. Infine un conflitto interorganizzativo, quando a scontrarsi sono team di differenti organizzazioni.
Quando passiamo molte ore a lavorare con altri compagni capita che qualcuno voglia prevalere, o prevaricare gli altri. La personalità e i valori di ognuno si scontrano e spesso un contrasto di opinioni arriva a portare a discussioni accese. In questi casi un buon team manager non deve mai prendere le parti di nessuno ma anzi, deve arbitrare e portare , con calma, tutti al suo punto di vista che, in quanto capo, ha un valore assoluto e chiude la discussione. Se c’è un problema con un componente del team, uno reale che frena o disturba il lavoro del gruppo, sarà bene parlarne direttamente e in privato, con il diretto interessato.

L’ultima cosa davvero importante che sempre un team manager deve fare è dare il buon esempio.
Un vero capo non si limita a dare ordini e basta, ma lavora costantemente al fianco dei suoi collaboratori, lavora anzi di più, perché controlla il lavoro di tutti gli altri.


Capitale Vittoria


Per lavorare al meglio utilizza strumenti studiati per agevolarti nel tuo lavoro clicca quì




0 ITEMS
€ 0